Si segnala la sentenza della Corte di Cassazione, sez. IV Penale, n. 21521/21 in materia di medico competente.

la Suprema Corte, nella suddetta sentenza, ha affermato che “Il medico competente è titolare di una propria sfera di competenza; si tratta di un garante a titolo originario e non derivato. E peraltro, l'obbligo di collaborazione con il datore di lavoro da parte del medico competente, il cui inadempimento integra il reato di cui al D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 25, comma 1, lett. a) e art. 58, comma 1, lett. c), comporta un'effettiva integrazione nel contesto aziendale del sanitario, il quale non deve limitarsi ad un ruolo meramente passivo, ma deve dedicarsi ad un'attività propositiva e informativa in relazione al proprio ambito professionale”.

 

pdf Allegato a Comunicazione n 127 (2.37 MB)  - sentenza n. 21521/21